2016/04/24

24 aprile: Prima morte in volo spaziale; prima TV dallo spazio; decollo STS-31 con Hubble; rientro Vittori; nuovo record di soggiorno USA

1962/04/24 – Prima trasmissione TV dallo spazio


Viene effettuata la prima trasmissione televisiva dallo spazio tramite il satellite passivo Echo 1, che è un enorme riflettore radio sferico del diametro di 30 metri, lanciato il 12 agosto 1960 [NASA; NHO; NHO].


1967/04/24 – Primo incidente mortale in un volo spaziale


Il cosmonauta sovietico Vladimir Komarov effettua un rientro d’emergenza della sua capsula Soyuz-1 dopo una serie di malfunzionamenti. Il paracadute non si apre correttamente, facendo schiantare la capsula al suolo. Komarov muore all’impatto. È la prima volta che un essere umano muore durante un volo spaziale [GA].

[Vai all'articolo di approfondimento]


1990/04/24 – STS-31: lo Shuttle Discovery porta in orbita il telescopio Hubble


Decollo dal Kennedy Space Center dello Shuttle Discovery per la missione STS-31, che porta in orbita il telescopio spaziale Hubble [Spacetelescope.org; Hubble; SFN].




2005/04/24 (22:08 UTC) - Atterraggio Soyuz TMA-5 riporta sulla Terra Roberto Vittori


La Soyuz TMA-5 atterra in Kazakistan, riportando sulla terra il comandante Salizan Sharipov, l'ingegnere di volo Leroy Chiao e l'ingegnere di volo italiano Roberto Vittori. Sharipov hanno trascorso nello spazio 193 giorni; Vittori 8.



[Spacefacts]


2017/04/24 – Peggy Whitson stabilisce il nuovo record cumulativo di soggiorno spaziale USA: 535 giorni


Peggy Whitson, comandante della Stazione Spaziale Internazionale, totalizza 535 giorni nello spazio nell'arco di tre missioni (giugno-dicembre 2002, 184 giorni; ottobre-aprile 2008, 192 giorni; e quella in corso, iniziata a novembre 2016). Stabilisce così il nuovo record statunitense (maschile e femminile) di tempo complessivo trascorso nello spazio, superando il detentore precedente, Jeff Williams (534 giorni). Whitson è inoltre la prima donna a comandare due volte la Stazione e detiene il record mondiale femminile di ore trascorse in attività extraveicolare ("passeggiata spaziale"), con 39 ore e 46 minuti [NASA; NASA].