2016/03/04

4 marzo

1978/03/04


I cosmonauti sovietici Yuri Romanenko e Georgy Grechko, a bordo della stazione spaziale Salyut 6, stabiliscono il nuovo primato mondiale di durata di una singola permanenza dello spazio, superando quello di 84 giorni, un’ora e sei minuti conseguito dall’equipaggio statunitense della missione Skylab 3 (Carr, Gibson e Pogue) nel 1974 [GA].


1979/03/04


I dati scientifici provenienti dalla sonda statunitense Voyager 1 e raccolti durante il suo passaggio vicino a Giove rivelano l’esistenza di un tenue sistema di anelli intorno al pianeta [NHO; NASA].


1990/03/04


Atterraggio della missione Shuttle STS-36, che trasporta un carico militare segreto per il Dipartimento della Difesa statunitense [NHO].


1994/03/04


Decollo dal Kennedy Space Center dello Shuttle Columbia per la missione STS-62, che porta nello spazio John H. Casper (comandante), Andrew M. Allen (pilota) e Pierre J. Thuot, Charles D. Gemar e Marsha S. Ivins (specialisti di missione) per quasi 14 giorni, effettuando fra l’altro numerosi esperimenti scientifici sulla fascia di ozono intorno alla Terra, sulla saldatura e fusione di metalli e sugli effetti dell’assenza di peso sul corpo umano e provando alcuni componenti del braccio robotico che servirà per la costruzione della futura Stazione Spaziale Internazionale [NASA; SFN].

Mar04-1994_STS-62_marsha_ivins.jpg

L’astronauta Marsha Ivins durante la missione STS-62 [NHO].


2016/03/04


Dopo quattro rinvii, SpaceX riesce a decollare per mettere in orbita il satellite per telecomunicazioni SES-9 in orbita geostazionaria. La messa in orbita ha successo e avviene usando un vettore Falcon 9 caricato di propellente superraffreddato (circa 450 tonnellate di ossigeno liquido a -183°C e cherosene RP-1 a -6°C), il cui primo stadio tenta un rientro e atterraggio sperimentale su un’apposita chiatta nell’Oceano Atlantico.

La chiatta viene raggiunta correttamente, nonostante il profilo di volo molto impegnativo con velocità di rientro superiori alla norma, ma l’atterraggio è troppo violento e il primo stadio non sopravvive all’impatto, come del resto previsto da SpaceX [Elon Musk].