2020/08/26 - Muore l’astronauta Gerald Carr (Skylab 4)

Si spegne a 88 anni Gerald Carr, uno dei tre astronauti che fra il 1973 e il 1974 trascorsero ben 84 giorni a bordo di Skylab, la prima stazione spaziale statunitense, realizzata modificando uno stadio S-IVB concepito per le missioni lunari e messa in orbita terrestre con un vettore Saturn V rimasto inutilizzato dopo la cancellazione di alcune missioni lunari.

Carr comandò l’ultimo dei tre equipaggi che visitarono Skylab e stabilì, insieme a William Pogue e Ed Gibson, un record mondiale che rimase imbattuto fino al 1978, quando la missione sovietica Salyut 6 durò 96 giorni. Durante la sua missione, denominata Skylab 4, effettuò inoltre ben tre “passeggiate spaziali”.

Gerald Carr era stato scelto in precedenza per la missione lunare Apollo 19, mai realizzata perché cancellata dai tagli imposti alla NASA.

Secondo la stampa dell’epoca, Carr, Pogue e Gibson sarebbero stati anche protagonisti del primo “ammutinamento spaziale” durante il loro lungo soggiorno a bordo dello Skylab: in realtà si trattò di un singolo giorno di fermo delle attività di bordo, deciso degli astronauti per riprendersi da un carico eccessivo di lavoro, e durante quel giorno per un errore di configurazione delle radio non risposero alle comunicazioni. Tutto fu chiarito subito con il Controllo Missione, ma il mito della ribellione di bordo rimase.

Gerald Carr a bordo dello Skylab.

Fonte: Collectspace.com.

1981/08/26 - Voyager 2 in crisi a Saturno, salvataggio a distanza

La sonda interplanetaria statunitense Voyager 2, che ha raggiunto le vicinanze di Saturno a luglio del 1981 e la distanza minima dal pianeta il 25 agosto 1981, riemerge da dietro il pianeta (dal punto di vista della Terra) con il meccanismo di puntamento bloccato, per cui i suoi strumenti puntano verso lo spazio invece che verso il pianeta.

Fortunatamente i tecnici sulla Terra riescono a correggere il problema e la sonda continuerà a rispondere ai comandi, proseguendo verso Urano e Nettuno e poi raggiungendo i confini estremi dell’eliosfera negli anni e decenni successivi.

L’incontro con Saturno include passaggi ravvicinati di numerose lune del pianeta e in particolare di Encelado, rivelando indicazioni di possibile attività geologica. Le immagini del polo nord di Saturno verranno successivamente unite per rivelare una colossale struttura meteorologica approssimativamente esagonale che circola intorno al polo.

Fonti: NASA; NASA; NASA.

1978/08/26 - Decollo Soyuz-31; primo cosmonauta tedesco

Valery Bykovsky e Sigmund Jähn (cittadino della Germania Est) partono per lo spazio a bordo della Soyuz-31, diretti verso la stazione Salyut-6. Jähn è il primo cosmonauta tedesco. La loro missione durerà 8 giorni.

Aug26-1978-Soyuz31

Valery Bykovsky (a sinistra) e Sigmund Jähn (a destra).
Aug26-1978-Soyuz31liftoff
Decollo della Soyuz-31.

Fonti: Astronautix; ESA.

1974/08/26 - Partenza Soyuz-15

La Soyuz-15 parte per raggiungere la stazione spaziale Salyut-3, portando in orbita il comandante Gennadi Sarafanov e l’ingegnere di volo Lev Demin. Rientrerà due giorni dopo, di notte, accompagnata da un laconico comunicato stampa che parlerà di “collaudo di varie modalità di rendez-vous”.

La realtà sarà ben diversa, e verrà rivelata vent’anni più tardi: ci sarà una mancata collisione ad alta velocità con la Salyut (che in realtà è una stazione militare Almaz spacciata per una civile della serie Salyut), che costringerà a un rientro d’emergenza.

Fonte: Russian Space Web.

1932/08/26 - Nasce l’astronauta Joe Engle

Nasce a Chapman, in Kansas, Joe Henry Engle. Volerà con l’X-15, aggiudicandosi la qualifica di astronauta per aver superato le 50 miglia (80 km) di quota, e sarà membro dell’equipaggio di riserva di Apollo 14 e membro dell’equipaggio primario di Apollo 17 fino al momento della cancellazione delle missioni Apollo 18 e 19, che gli faranno perdere l’occasione di camminare sulla Luna, venendo sostituito da Harrison Schmitt. Volerà inoltre con due missioni Shuttle (STS-2 e STS-51-I).

Aug26-1932-notactualdate-Joe-Engle-resize800
Engle con un X-15.
Aug26-1932-notactualdate-Joe-Engle-LM
Joe Engle davanti a un modulo lunare Apollo.
Aug26-1932-notactualdate-Joe-Engle-Shuttle-resize800
Engle (a sinistra) e Richard Truly (a destra) in una foto ufficiale dell’epoca Shuttle.

Fonte: Contact Light.

1918/08/26 - Nasce la matematica Katherine Johnson

Aug26-1918-notactualdate-Katherine-Johnson

Nasce a White Sulphur Springs, in West Virginia, Katherine Johnson. Il suo precocissimo talento con i numeri le permetterà di terminare gli studi secondari con il massimo dei voti nel 1937 e di insegnare in una scuola per studenti di colore (all’epoca in Virginia sarà ancora in vigore la segregazione razziale). Nel 1953 inizierà a lavorare per la sezione di calcolo West Area Computing della NACA al centro di ricerca Langley a Hampton, in Virginia, sempre in un gruppo segregato. Nel 1957, sulla scia della competizione spaziale avviata dal lancio sovietico dello Sputnik, fornirà parte della matematica del compendio fondamentale Notes on Space Technology, passando poi allo Space Task Group della nascente NASA.

Nel 1960 sarà la prima donna della Flight Research Division citata come coautrice in un rapporto di ricerca: Determination of Azimuth Angle at Burnout for Placing a Satellite Over a Selected Earth Position, con Ted Skopinski, che presenta le equazioni che descrivono un volo orbitale nel quale si specifica il punto di atterraggio desiderato. Inoltre effettuerà le analisi di traiettoria per il volo suborbitale di Alan Shepard nel 1961.

L’anno successivo, in preparazione per il volo orbitale di John Glenn, Katherine Johnson verrà richiesta personalmente dall’astronauta per ricontrollare manualmente, sulla sua calcolatrice meccanica, i calcoli programmati nei computer che dovranno gestire il suo volo. I computer dell’epoca, infatti, saranno ancora macchinosi e inaffidabili e Glenn esigerà la verifica di Johnson come precondizione per la missione.

La Johnson si occuperà dei calcoli che aiuteranno a sincronizzare il modulo lunare e il modulo di comando delle missioni Apollo, lavorerà al progetto Shuttle e ai primi satelliti di osservazione delle risorse della Terra. Andrà in pensione nel 1986, dopo 3 anni a Langley. Nel 2015, a 97 anni, riceverà dal presidente statunitense Obama la Presidential Medal of Freedom, la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti.

Fonti: Roger Launius; NASA.

2020/08/02 - Rientro della Crew Dragon DM-2: prima missione orbitale interamente commerciale

Alle 18:48 UTC la capsula Crew Dragon Endeavour ammara nel Golfo del Messico, concludendo la missione Demo-2 di SpaceX e riportando sulla Terra il suo equipaggio, composto dagli astronauti della NASA Bob Behnken e Doug Hurley, dopo una visita di due mesi alla Stazione Spaziale Internazionale. Dal centro di controllo di SpaceX, il CAPCOM (la persona che dialoga direttamente con l’equipaggio) accoglie gli astronauti con la battuta “Grazie per aver volato con SpaceX.”

È la prima missione spaziale orbitale con equipaggio effettuata da un’azienda privata. Il volo è iniziato il 30 maggio scorso dalla Rampa 39A del Kennedy Space Center e segna il ritorno dei voli orbitali con equipaggio su veicoli statunitensi, dopo la lunghissima pausa iniziata con l’ultima missione dello Shuttle Atlantis nel 2011, che ha creato una totale dipendenza dai veicoli russi Soyuz, gli unici rimasti in grado di portare equipaggi.

L’ammaraggio è inoltre il primo effettuato da un veicolo statunitense in 45 anni: il precedente risale infatti al luglio del 1975 (missione Apollo-Soyuz). A livello mondiale, l’ultimo splashdown risale però all’ottobre del 1976, quando la Soyuz 23 finì per errore nel lago Tengiz.

Le differenze rispetto a quegli ammaraggi di quattro decenni fa sono notevoli: gli astronauti arrivano nel Golfo del Messico, abbastanza vicino alla costa, invece di scendere nell’Oceano Pacifico. Questa prossimità, però, permette ad alcuni irresponsabili di avvicinarsi con le proprie imbarcazioni private, ostentando striscioni in favore del presidente statunitense Donald Trump e mettendo a rischio le operazioni di recupero oltre che se stessi, visto che la capsula rilascia residui gassosi di propellente altamente tossici.

Gli astronauti non vengono estratti mentre la capsula è ancora in acqua, come avveniva nelle missioni Mercury, Gemini e Apollo: la capsula intera viene agganciata e portata a bordo di un’apposita imbarcazione, la Go Navigator, e solo allora viene aperto il portello per far uscire Behnken e Hurley. Questo approccio semplifica molto le operazioni di sbarco per le squadre di recupero e per gli astronauti, che trascorrono l’attesa facendo telefonate satellitari (altra differenza rispetto al passato), compresi alcuni scherzi telefonici, a detta degli astronauti stessi.

Un altro aspetto molto simbolico di questo volo è che Behnken e Hurley riportano sulla Terra una bandiera statunitense lasciata sulla Stazione dall’ultimo equipaggio Shuttle e destinata appunto al primo veicolo americano a tornare alla Stazione.

L’intero volo è un successo straordinario per SpaceX, che dimostra di essere in grado di portare equipaggi nello spazio con sistemi molto meno costosi e complessi di quelli precedenti della NASA, oltretutto recuperando il primo stadio del vettore di lancio e riutilizzando la capsula. SpaceX batte sul tempo la concorrenza di Boeing, il cui veicolo Starliner non è ancora pronto ed ha avuto problemi non banali durante il volo di collaudo senza equipaggio, pur costando molto più della Crew Dragon.

Aug02-2020-CrewDragon-splashdown0
Aug02-2020-CrewDragon-splashdown1
Aug02-2020-CrewDragon-splashdown1a
Aug02-2020-CrewDragon-splashdown1b
Aug02-2020-CrewDragon-splashdown2
Aug02-2020-CrewDragon-splashdown3
Foto della sequenza di recupero degli astronauti dalla Crew Dragon Endeavour.

Fonte: Il Disinformatico.

2005/08/02 - MESSENGER passa vicino alla Terra

La sonda MESSENGER effettua un flyby della Terra per sfruttarne l’effetto fionda e accelerare verso Mercurio e trasmette una sequenza d’immagini del nostro pianeta.

Aug02-2005-20130218_earth_true-and-false_messenger_sideways
La Terra in colori naturali (sopra) e in falso colore (sotto) per evidenziare le aree continentali.

Fonti: Planetary.org; Rainmaker1973 (con video).

1991/08/02 - Decollo Shuttle Atlantis (STS-43)

Dopo il rinvio del giorno precedente, l’ultimo di una lunga serie iniziata il 23 luglio, prende il via la quarantaduesima missione spaziale di uno Shuttle, che porta in orbita cinque astronauti, tutti americani, e il satellite per comunicazioni TDRS-E.

Aug02-1991-STS43liftoff
Aug02-1991-STS43-TDRS

Fonti: GA; GA.

1971/08/02 - Apollo 15 lascia la Luna

David Scott e Jim Irwin decollano dalla Luna con il Modulo Lunare di Apollo 15. Per la prima volta la partenza viene ripresa e trasmessa in diretta da una telecamera, che è montata sull’auto elettrica Lunar Rover degli astronauti lasciata sulla Luna.

Fonti: NHO; NASA.

1971/08/02 - Posa del primo monumento commemorativo sulla Luna

L’equipaggio di Apollo 15 posa in segreto sulla Luna, presso la Hadley Rille, una piccola scultura in alluminio, alta 8,5 centimetri, che rappresenta una persona stilizzata ed è accompagnata da un elenco di nomi di astronauti e cosmonauti caduti (Theodore C. Freeman, Charles A. Bassett II, Elliot M. See Jr., Virgil I. Grissom, Roger B. Chaffee, Edward H. White II, Vladimir M. Komarov, Edward G. Givens Jr., Clifton C. Williams Jr., Yuri A. Gagarin, Pavel I. Belyayev, Georgiy T. Dobrovolsky, Viktor I. Patsayev, Vladislav N. Volkov). È il primo, piccolo monumento commemorativo collocato su un altro corpo celeste. La scultura è opera dell’artista belga Paul Von Hoeydonck; la sua presenza viene rivelata dagli astronauti dopo il loro ritorno sulla Terra.

Aug02-1971-fallenAstronaut
Il Fallen Astronaut sulla Luna.

Fonte: Rainmaker1973.

1949/08/02 - Nasce il cosmonauta Bertalan Farkas

A Gyulahza, in Ungheria, nasce Bertalan Farkas, che nel 1978 verrà scelto come cosmonauta e volerà nello spazio il 26 maggio 1980 a bordo della Soyuz-36, visitando la stazione spaziale sovietica Salyut-6.

Aug02-1949-notactualdate-Bertalan-Farkas
Bertalan Farkas insieme a Valeri Kubasov durante l’addestramento per il volo con la Soyuz-36.

Fonti: Britannica; ESA.

1934/08/02 - Nasce il cosmonauta Valery Bykovsky

A Pavlovsky Posad, in Russia, nasce Valery Fyodorovich Bykovsky. Nel 1960 inizierà il proprio addestramento come cosmonauta e volerà nello spazio con la Vostok 5 nel 1963, stabilendo il record di durata, tuttora imbattuto, per un volo spaziale in solitaria: cinque giorni. Tornerà in orbita nel 1976 con la Soyuz-22 e nel 1978 con la Soyuz-31.

Aug02-1934-notactualdate-Valery-Bykovsky

Fonti: Britannica; NHO.

1909/08/02 - Forze armate USA acquistano il loro primo aereo, un Wright Flyer

I fratelli Wright vendono un esemplare del loro velivolo, un Flyer, ai militari statunitensi, al prezzo di 30.000 dollari (al cambio attuale circa 775.000 dollari).

Aug02-1909-WrightFlyer

Fonte: NHO.

1990/08/01 - Partenza Soyuz TM-10

Lancio della Soyuz TM-10 con a bordo Gennadi Manakov e Gennadi Strekalov per raggiungere la stazione spaziale Mir e dare il cambio al precedente equipaggio del laboratorio sovietico.

Aug01-1990-SoyuzTM10liftoff-in-italian-press

Fonte: GA.

1973/08/01 - Primo volo dell’X-24B, precursore dello Shuttle

Il velivolo senza ali X-24B, soprannominato “ferro da stiro volante”, effettua il primo volo planato. È l’inizio di una sperimentazione che getta le basi per il programma Shuttle.

Aug01-1973-X24B

Fonte: NHO.

1971/08/01 - Trovata sulla Luna una roccia di 4 miliardi di anni fa

David Scott, sulla Luna insieme a James Irwin per la missione Apollo 15, trova una roccia lunare da circa 270 grammi che risulterà avere 4 miliardi di anni. Scott e Irwin, grazie al loro addestramento da geologi, si rendono subito conto dell’importanza del ritrovamento: “Indovinate cosa abbiamo trovato? Indovinate cosa abbiamo appena trovato?” esclama Scott. Irwin prosegue: “Credo che abbiamo trovato quello per cui siamo venuti.” Essendo una delle più antiche mai trovate, viene battezzata ben presto (durante il viaggio di ritorno) Genesis Rock.

Aug01-1971-AS15-86-11670HR-resize800
La Genesis Rock sul piedistallo naturale sul quale viene trovata sulla Luna. Foto NASA AS15-86-11670.
Aug01-1971-notactualdate-genesis-rock
La Genesis Rock in laboratorio sulla Terra.

Fonti: NHO; NASA; Apollo Lunar Surface Journal (da 145:41:48); Lunar Sample Compendium 15415.

1967/08/01 - Termina il progetto Lunar Orbiter

Dopo circa un anno di attività intensa, si conclude il progetto statunitense Lunar Orbiter di ricognizione della Luna e della zona circumlunare. Sono state lanciate cinque sonde, tutte con successo, che hanno gettato le basi di conoscenza scientifica per le missioni con equipaggio previste dal programma Apollo.

Fonte: NASA.

1963/08/01 - Nasce l’astronauta Koichi Wakata

A Saitama, in Giappone, nasce Koichi Wakata. Verrà selezionato nel 1992 come astronauta dalla NASDA (ora JAXA), l’agenzia spaziale giapponese. Volerà nello spazio quattro volte (STS-72, 1996; STS-92, 2000; STS-119, 2009; Soyuz TMA-11M), accumulando 347 giorni di permanenza nello spazio e stabilendo il record giapponese in questo campo.

Aug01-1963-notactualdate-Koichi-Wakata

Fonti: JAXA; NHO.

1946/08/01 - Nasce l’astronauta Dick Covey

A Fayetteville, in Arkansas, nasce Richard O. Covey. Verrà selezionato come astronauta nel 1978 e volerà nello spazio nel 1985 (STS-51I), nel 1988 (STS-26), nel 1990 (STS-38) e nel 1993 (STS-61), totalizzando oltre 646 ore in volo spaziale.

Aug01-1946-notactualdate-covey_richard

Fonti: NASA; NHO; Spacefacts.

1786/08/01 - Prima scoperta di una cometa accreditata a una donna

Caroline Herschel (nata Karoline Lucretia Herschel), sorella e assistente dell’astronomo William Herschel, osserva al telescopio un oggetto che si sposta lentamente nel cielo notturno. Il giorno successivo lo osserverà di nuovo e avviserà i colleghi astronomi di aver scoperto una cometa, diventando così la prima donna ad essere accreditata come scopritrice di una cometa (non è tuttavia la prima donna a scoprirne una: questo primato spetta a Maria Kirch, che ne avvistò una il 21 aprile 1702).

Grazie a questa scoperta e alla sua lunga attività astronomica, Caroline Herschel verrà stipendiata da re Giorgio III come assistente ufficiale del fratello William, diventando così la prima donna pagata per servizi scientifici. Caroline scoprirà altre sette comete e contribuirà ancora all’astronomia, ricevendo la medaglia d’oro della Società Astronomica Reale britannica e diventando membro onorario della Royal Society.

In suo onore sono stati nominati il cratere lunare C. Herschel e l’asteroide Lucretia.

Fonti: ESA; NASA.